Glam Stories

40 anni & dintorni. Dieci domande alla scrittrice Isa Grassano

14/06/2016

13461125_1132755733413429_1768645467_o
«L’arrivo dei forty mi ha insegnato a vivere giorno per giorno, senza fare progetti, ma neanche bilanci. Apprezzo quello che ho e non mi guardo indietro con nostalgia. Ho capito che la felicità è legata all’oggi»

di Isa Grassano per Glam 40

1. Isa, la vita comincia a 40 anni?

Direi che “continua” meglio a 40 anni.  Perché c’è più consapevolezza, ci sono meno affanni di “arrivare”, più distacco dalle cose che ci fanno stare male e desiderio di impiegare tempo ed energia solo verso chi davvero lo merita. Perché c’è più coraggio di riuscire a dire “anche no”. Insomma, il mio presente è oggi. E la felicità è legata all’oggi.

2. Cosa hai imparato nei tuoi primi 40 anni? 

A vivere giorno per giorno, senza fare progetti, ma neanche bilanci. Ad apprezzare quello che si ha e a godere di ogni momento.

3. Qualche rimpianto?

Direi di no, non amo voltarmi mai indietro. Io guardo solo avanti. I miei sogni superano i rimpianti.

4. Sei giornalista, autrice e scrittrice. Come nascono le tue storie 

Ascoltando le chiacchiere degli altri, in treno, in metro, in aereo, in bus (non mi muovo mai in macchina da sola): mi “intrufolo” nei discorsi, cerco di captare quello che dicono e come si sentono. E poi farcisco con la mia fantasia o con le numerose ricerche in rete. Amo le storie che parlano della magia del luogo da cui provengono. Mi aiuta tanto anche leggere i vari status sui social network: facebook, twitter offrono sempre spunti.  Molte altre storie vengono fuori dai viaggi fatti con le mie amiche.

5. Il tuo prossimo libro

Una guida “Forse non tutti sanno che in Italia” per Newton Compton che sarà in tutte le librerie per Natale. Parla di curiosità, storie inedite, misteri, aneddoti storici e luoghi sconosciuti del nostro Belpaese. Sto lavorando anche al mio primo romanzo, una storia d’amore condita con un bel po’ di erotismo. Ma ancora tutto in divenire.

libro-isa_senape

L’ultimo libro di Isa Grassano pubblicato da Newton & Compton editori. Si tratta di un manuale dedicato alle location più cool per un sano e divertente fine settimana con le amiche del cuore. E alle regole chiave per andare d’accordo… . L’autrice cura il blog AmicheSiParte.com

6. Se ti vedi allo specchio come ti vedi oggi?

Più magra, ma perché ho comprato uno specchio di quelli che “sfinano”, quelli appoggiati alle pareti in maniera obliqua. A parte le battute, finalmente dopo anni in cui ho sempre convissuto con i miei complessi (e sono tanti) riesco ad “accettarmi”, a “piacermi” un po’ di più. Però ho paura di invecchiare, quello sì, di “assistere” al crollo fisico improvviso, penso che dovrei fare qualche punturina per “riempire” il viso e quindi spesso lo specchio riflette queste mie paure… Questione di secondi… poi mi convinco che “ci vuole ancora un po’ di tempo”.

7. Il tuo più importante segreto beauty?  

L’olio di argan, o olio del deserto come le popolazioni berbere chiamano questo fantastico prodotto, che rende la pelle morbidissima. E io sono fissata, mi “ungo” da sembrare un’anguilla. Meglio se profumato alla gardenia o ai gelsomini, che nella sua essenza racchiude “la gioia di vivere”. E, soprattutto, la consapevolezza che il sorriso è sempre la migliore energia per “dentro” e per “fuori”, accende di luce e con la luminosità si appare sempre un po’ più “belle”!

8. Come ti mantieni in forma

Ahimè faccio ben poco. Dico sempre che devo iscrivermi ad acqua gym e non lo faccio mai. Passeggiate, scale a piedi, massaggi appena posso, creme a volontà. Mi sveglio sempre all’alba e anche questo contribuisce a “regolare” le giornate. Del mattino mi piace la promessa di qualcosa di nuovo ancora da scoprire. E poi tante risate. Ridere, è provato, aiuta a rimanere in forma. Mentre si ride di gusto, si consuma la stessa quantità di calorie che si brucerebbero camminando a passo sostenuto. Lo rivela uno studio condotto dagli esperti della Vanderbilt University di Nashville, negli Stati Uniti.

E comunque a 40 anni, la “felicità” resta quella di indossare un abito che mi era stato fatto su misura per festeggiare i 18 anni e scoprire che ancora mi calza a pennello. Ed è la taglia 40. Piccole grandi soddisfazioni, che a ben pensarci, sono sempre meglio di un lifting.

9. I 40 sono i nuovi 30, sei d’accordo?

Sì, sono d’accordo. Anche se l’età anagrafica non coincide – ma è davvero solo una questione di date – io mi sento come una trentenne, con la stessa voglia di scherzare, di viaggiare, di conoscere il mondo, di ballare per strada, di andare sull’altalena, su una giostra. Forse è come se “dentro” avessi addirittura 20 anni e volessi recuperare tutto quello che – purtroppo per problemi e assenze varie – non sono riuscita a fare. A 40 anni si è ancora “ragazze” e guai a chi osa rivolgersi a me con “signora”!!!

10. Il tuo motto oggi.

Si rifà a una frase di Audrey Hepburn e per una romantica come me è l’ideale: “per me le uniche cose che contano sono quelle che hanno a che fare con il cuore”.  Tutto il resto è poca roba… . Senza “cuore”, freddi e distaccati dalle persone, dagli amici, dagli amori, che vita è?

You Might Also Like


Vuoi essere più glam@40? Lascia i tuoi dati e sarai inserito nella nostra mailing list
non sarà mai spam