Beauty & Health Tips, Glam Tips

Capelli glam a 40 anni con l’henné: i consigli dell’hair stylist Redy Jihar

25/01/2017


Capelli a 40 anni, parola d’ordine: illuminare. Come? Lo svela Redy Jihar, l’hair stylist che sta attuando “la rivoluzione dell’hennè” a Milano. Berbero di origine, dall”hair studio di Via Plinio 63 – indirizzo di giornaliste e influencer – racconta la sua scommessa professionale, partita dalle ricette della nonna berbera, e svela a tutte le Glam40 i pochi ma fondamentali accorgimenti per avere sempre capelli al top.

by Daniela Faggion for Glam40

Dimenticate la parrucchiera vecchio stile, Redy Jihar ama definirsi bio colorist. Cioè? «Un hair stylist che inventa trattamenti e tecniche alternative per colorare il capello senza renderlo poroso».

Se nelle decadi passate avete osato troppo (o decisamente esagerato) con la chimica e ora vi ritrovate una chioma stopposa e ingestibile anche con le creme più costose, lui è l’uomo giusto per darci un taglio ed emanare nuova luce a partire dalla cornice naturale del nostro volto.

«Il trend degli ultimi anni è quello di colorare i capelli puntando al tono su tono evitando il blocco monocromatico e puntando a coprire solo quelli bianchi. Su questa tendenza io ho fatto germogliare il mio ‘concept berbero’, applicando ai capelli i segreti degli Uomini Blu», racconta a Glam40.

L’hairstylist Redy Jihar

Quali sono gli ingredienti principali con cui lavori?

Innanzitutto l’argan, che l’azienda fondata dai miei nonni produce nella regione di Essaouira. Poi, l’hennè trasformato con le terre tintorie in elemento multicolore, e il tè.

L’hennè a cui siamo abituati noi non gioca moltissimo sulle sfumature, però.

Di solito in commercio si trova hennè ricavato dall’arbusto, che è più povero e che viene fissato con l’utilizzo di metalli. Io invece uso quello estratto dalla foglia, più pregiato e che non necessita di metalli per rimanere.

Su questa base io lavoro variando il tempo di posa (max 40 minuti), asciugando o bagnando il capello e utilizzando o meno lo shampoo. In pratica, utilizzando l’hennè e una decina di terre tintorie, come indaco e cassia, posso creare oltre 600 colori.

Una pozione magica?

Arrivata dopo 5 anni di studi ed esperimenti. Dal mio punto di vista la vera magia è che anche i colleghi parrucchieri adesso sono attirati da un elemento così versatile e sto passando da una produzione per il mio studio a una più ampia, con tanto di nostre accademie del colore in giro per lo Stivale.

I cinque segreti per i capelli a 40 anni

1) Parola d’ordine: ILLUMINARE.

Utilizzando tonalità calde sui capelli si ottiene un effetto lifting sul viso. Le stelle della tv sfruttano questo segreto prima di passare alla chirurgia estetica… certo, aiutate anche da una serie di luci che nel quotidiano non abbiamo!

2) Attenzione all’ARMONIA VISO/CAPELLO.

Come con i vestiti, così con i capelli non possiamo solo seguire le mode. Il grigio, ad esempio, sta meglio alle 20enni che alle 40something. Sul taglio corto si possono osare più sfumature, mentre sul lungo è meglio evitare esperimenti e scegliere tonalità più morbide.

3) GUARDATEVI NEGLI OCCHI.

Gli occhi hanno sfumature che poi si ritrovano nei capelli e sono da valorizzare. Per questo è meglio coprire solo i bianchi e ottenere un effetto mèche.

4) VIETATO IL COLORE FAI-DA-TE.

A casa occupiamoci di curare i capelli, ma evitiamo di pasticciare con i colori, hennè compresi. Ci sono trattamenti per i quali servono anni per riprendersi.

5) IL SEGRETO DELLA NONNA.

Ok agli impacchi con il tuorlo d’uovo, che protegge anche dai raggi UV.

You Might Also Like