News & Events

Givenchy (in persona) presenta, in Olanda, la mostra “To Audrey with love”. Glam40 era lì. GUARDA IL VIDEO

27/11/2016

audrey_hoed_glam40
«Audrey Hepburn mi telefonava tutti i giorni per dirmi che mi voleva bene: a modo nostro ci siamo molto amati». Così lo stilista Hubert de Givenchy sul suo rapporto con la diva, scomparsa nel 1993, con la quale ha costruito uno dei più famosi sodalizi della storia della moda e del cinema

 

 

by Michaela K. Bellisario from The Hague

 

I due sono stati l’uno la fortuna dell’altro, anche se al loro incontro erano già affermati. Lo stilista ha ricordato la sua musa nella presentazione della mostra “Hubert de Givenchy: to Audrey with love”, in corso all’Aja, in Olanda, dal 26 novembre al 26 marzo 2017 al Gementemuseum. Una retrospettiva, tra le più importanti mai realizzate in Europa, curata personalmente dal couturier con il best of degli abiti disegnati da Givenchy per Audreuy Hepburn, a partire dal famosissimo tubino di Colazione da Tiffany. 

Givenchy ha voluto partecipare alla conferenza stampa

«L’ho vista l’ultima volta tre mesi prima che morisse, mi ha donato un soprabito per ricordarla. Credo di non aver pianto mai così tanto in vita mia», ha confessato lo stilista confidando un ricordo privato. Le sue lacrime hanno commosso tutta la platea.

«La prima volta che l’ho vista l’ho scambiata per Katherine Hepburn e non ero molto convinto di poterle disegnare gli abiti per il suo secondo film, Sabrina, ma è riuscita a convincermi e da allora non ci siamo mai separati».

Come giornalista ero in prima fila a seguirlo: non succede tutti i giorni di ascoltare live una leggenda che parla di un’altra leggenda. Guarda il video di Glam40

You Might Also Like